UNO SCATTO CON "AMORE": GRAZIE COSTANTINO e FABRIZIO




Ieri a Città di Castello, tra le tante belle emozioni provate per essere tornato al Caldese dopo 15 anni, quella che mi ha segnato è stata senza dubbio vedere, anzi ammirare Fabrizio Pintore e Costantino Sanna, cavaliere e il suo tecnico, portare in gara Amore, il cavallo che stava allenando e dal quale è caduta la sfortunata Martina Berluti.


Per la prima volta mio figlio Diego mi ha accompagnato nel mio lavoro regalandomi l'occasione di spiegargli questa parte triste della vita che si cerca di schivare ad ogni costo ma che si ripresenta dinanzi agli occhi quotidianamente e inevitabilmente.


Con una forza della quale non tutti sarebbero stati capaci, Costantino ha voluto accompagnare Fabrizio per premiare gli sforzi di Martina che stava allenando questo cavallo per la sua prima 90 km. dunque portare avanti i suoi sogni interrotti, la sua vita.


Forte la commozione in premiazione durante lo struggente abbraccio tra Costantino ed Amore.


Socrate affermava che "la vita è soltanto una brevissima parentesi dell'infinito" dunque godiamo a pieno di tutti i suoi significati, dei suoi alti valori.


In questa foto vediamo Amore che sembra guardare Martina chiedendole scusa per l'accaduto ma stai tranquillo cavallino, non è colpa tua, è il disegno del destino al quale tutti siamo, nostro malgrado, legati.


grazie Costantino,

grazie Fabrizio,

grazie MARTINA...


foto Oreste Testa per Sport Endurance


1.708 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti