DANIELE MASSOBRIO DIETRO A SH. NASSER MA DAVANTI A JUMA E HOFFMAN!




Scherzando con il pluricampione di endurance Jaume (Juma) Punti Dachs a Samorin in Slovacchia, il cavaliere ligure Daniele Massobrio gli ha detto "per una volta ti sono arrivato davanti!".

Così è stato infatti alla Summer Spirit Race ospitata dalle splendide strutture targate x-bionic-sphere dove Daniele in sella alla femmina Purosangue Arabo di 10 anni Tara by Castiadas (Bonurversu x Castiadas), ha centrato l'obiettivo qualifica mondiale chiudendo in 6° posizione una difficile CEI3* 160 km.

Alla presenza di Marcello Conte, proprietario ed allevatore insieme a sua moglie Chiara Rosi della bellissima PSA, Massobrio è riuscito nel suo intento in una giornata difficile dal punto vista climatico con delle condizioni particolari per il periodo estivo.

Freddo al mattino e tanto vento da nord-ovest ad infastidire i cavalli in gara soprattutto quando si trattava di galoppare contro vento a bordo Danubio.

In effetti il simpatico titolo dell'articolo non racconta bugie perché Massobrio ha chiuso la sua prova ai 17,91 orari prima del campione del mondo Juma e del padrone di casa Mario Hoffman (settimi e ottavi) e dopo il Principe del Bahrain HH Sh. Nasser bin Hamad Al Khalifa che ha vinto a 20,18 orari sotto gli occhi attenti del fuoriclasse francese Jean Philippe Frances in sella a Bolt de Venelles.




SH. Nasser

Mario e Juma

Grande la soddisfazione espressa da Daniele a fine gara che ha ringraziato CHM Breeding di Marcello e Chiara Rosi che, risiedendo all'estero, hanno alcuni cavalli in allenamento in Italia presso la sua scuderia Adelasia Endurance Team.

Lo stesso Daniele ha avuto un pensiero di ringraziamento per tutti quelli che lo hanno seguito in questa lunga trasferta ricordando che "senza il team non si va da nessuna parte. I risultati sono solo frutto del lavoro apportato dai singoli".



Daniele e Tara




Grazie dunque a Marcello Conte, Giulia Giannichedda, Caterina Meris, al super maniscalco Fabio Veroli, Nicoló Trotta, Sara e Luca Milia accompagnati da mamma e papà.



Con Marcello e Fabio


friends


A Samorin c'era anche un'altra bandiera italiana al via, era quella di Sara Milia che portava Rovo di Chia in CEI2*. Sara ed il suo team hanno deciso saggiamente di ritirare la cavalla per una piccola incertezza, sarà per la prossima.


Classifiche su www.t-tracksystem.com



355 visualizzazioni0 commenti