top of page

"Mr. MOHAMMED" CON IL SUO MBH PROJECT, HA FATTO BRECCIA NEI CUORI DEGLI ITALIANI



"Definitly", come dicono gli inglesi quando un qualcosa è acclarato, certo, sicuro; prendendo in prestito questo vocabolo anglosassone, si può chiudere il capitolo 2023 del progetto dedicato agli atleti italiani young riders sponsorizzato dalla famiglia Binham dalla quale la sigla MBH.

Nato da un'idea condivisa da Antonio Forgione e dal papà del giovane cavaliere Mohammed, Mr. Saeed Salem Musallem Bin Ham Alameri, il progetto è stato volutamente introdotto nel mercato dell'informazione a piccole dosi, senza fuochi d'artifico e presentazioni in pompa magna; l'idea di mantenere un profilo basso è stato voluto proprio per non offuscare quelli che erano i veri valori che si celavano in esso, ovvero sacrifico, passione, perseveranza e infine condivisione.

L'obiettivo è stato raggiunto.


Mohammed, Abdullah e Shuaib

Oggi genitori, parenti e trainers degli otto finalisti, si sono emozionati e qualcuno pianto di gioia quando al loro pupillo è stato consegnato il biglietto aereo virtuale per Dubai, presumibilmente in occasione della Sheikh Mohammed Cup 2024.

"E' stato un momento toccante e appagante" - ha commentato a caldo Antonio Forgione.

Oggi abbiamo assistito alla realizzazione del sogno Binam, quello di lasciare il segno, di imprimere nei giovani un ricordo indelebile, frutto di sforzi e desideri che li avrebbero portati al viaggio, metafora di vita.


Forgione con i tre ITALIAN VETS

Dopo l'appassionato lavoro svolto da docenti di comprovata esperienza come la dottoressa Alessandra De Sanctis, il dott. Fabrizio Pochesci, il dott. Ugo Sacco, il tecnico federale Fabio Ferrara e il coach Yari Perrotti, è uscito finalmente il responso finale.

"Troppo esiguo il distacco nei punteggi raggiunti dei finalisti, quindi difficile stilare una classifica idonea" - è stato detto in premiazione quindi "Mr. Mohammed", ormai amico dell'endurance italiano, ha deciso di premiarli tutti staccando il pass per otto viaggi in UAE anzichè sei!



In realtà non abbiamo creduto alla storia dei punteggi perchè "Mohammed" si è reso perfettamente conto dell'impegno profuso da tutti i giovani che si sono sacrificati tra scuola e oneri vari, cercando di perfezionarsi nelle varie prove da affrontare.

Nei mesi precedenti la finale, non è passata inosservata la caparbietà degli "8" che, chi in sella, chi tra i libri, chi in palestra, hanno cercato di migliorarsi per raggiungere l'ambito premio.


La delegazione araba con il C.O.

Al Centro Equestre Federale dei Pratoni del Vivaro (Rm), dove si disputava lo stage dei Pony, il Trofeo dei Circoli Lazio 2023 e le categorie Under14, durante una ventosa premiazione, i magnifici otto hanno ricevuto il premio andato nelle mani di Antony Verna, Adelaide Lombardi, Mia Bazzo, Lavinia Morselli, Beatrice Paiardi, Elena Carpano, Vittoria Piacente e Anna Ginetto.

A consegnarlo sotto lo sguardo attento del responsabile del responsabile del Comitato Organizzatore Maurizio Paolucci, dell'ormai amico degli young riders Mohammed, di Antonio Forgione e del trainer MBH Shuaib Saeed Ahmed Saeed Alhouqani, un funzionario dell'Ambasciata degli Emirati Arabi a Roma, Abdullah Alhameli che ha voluto presenziare all'evento.


Antonio Forgione e sua moglie Paola Pagliaro


A pranzo a discutere di progetti futuri

Domani in viale Tiziano a Roma e poi in Ambasciata degli U.A.E., si continuerà a parlare del progetto MBH Y.R. e delle sue future evoluzioni.


ECCO I MAGNIFICI 8

foto by SportEndurance/Oreste Testa



Abruzzo - Antony Verna


Emilia Romagna - Adelaide Lombardi

Friuli V.G. - Mia Bazzo

Lazio - Lavinia Morselli

Lombardia - Beatrice Paiardi

Marche - Elena Carpano

Trentino A.A. - Vittoria Piacente

Veneto - Anna Ginetto

629 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti