top of page

BENE GLI ITALIANI A SAMORIN



Quello appena passato è stato un week-end dal segno "più" all'x-bionic sphere di Samorin in Slovacchia dove si correva la Challenge Ride, gara internazionale di endurance.

La penultima prova di endurance in Slovacchia, la prossima è prevista dal 29 settembre al 1 ottobre prossimi con la Danubia Cup, vedeva ai nastri di partenza alcuni binomi italiani, tutti riusciti nel loro intento.

Il comune denominatore, come ricordato dal dott. Fabrizio Fantoni che seguiva i suoi cavalli in gara, è stato il grande caldo che in vari punti del percorso toccavano i 36°!

"Percorso veloce e piacevolissimo", ha sentenziato l'esperto Fabrizio che ha apprezzato, oltre che alla solita perfetta organizzazione di gara, il fondo del tracciato in erba e terra battuta.

Ma veniamo ai protagonisti italiani ai quali va un corale "complimenti" da parte di tutti gli appassionati.



Patrizia e Livia

Nella prima giornata di gare, a ben figurare sono state l'amazzone friulana Gaia Bunz in sella a Dragon Azzurro, 4° posto per lei nella CEI1* a 17,25 km/h di media e la toscana Livia Bencini, seconda nella stessa categoria ma young riders in sella a Eludan Shaka. 15,95 km/h per lei la media finale.



Gaia e Dragon

Il giorno seguente, a salire sul terzo gradino del podio della CEI2* è toccato a Patrizia Cianferoni e Quintana, noto binomio azzurro anch'esso battente bandiera toscana; media perfetta per loro fissata a 16 km/h.


Con la dedica fotografica alle nostre amazzoni, ringraziamo per tenere sempre alti i nostri colori in giro per il mondo.


Classifiche sul link che segue: https://t-tracksystem.com/




249 visualizzazioni0 commenti
bottom of page