top of page

L'ITALIA CONQUISTA LA GERMANIA: SERIOLI INCONTENTABILE



Non è una mossa della battaglia navale, ma di fatto l'endurance italiano ha invaso e conquistato un pezzetto del land della Baviera in Germania.

Il piccolo Comune di Buch nel sud della Germania, come d'altronde Samorin in Slovacchia, è diventato un luogo molto frequentato dall'endurance italiano e i risultati evidenziano che la scelta è quanto mai azzeccata.

Una delle medagliate a Buch, la valdostana Elena Commod che ha trionfato nella 120 km. di sabato, ha raccontato a caldo: "siamo arrivati a Buch mercoledì e diluviava; l'umore non era al massimo perchè il parterre di gara era al limite della praticabilità con tanto fango. Nonostante ciò incredibilmente il percorso di gara mi ha sbalordita. Favoloso. Fondi ottimi, tracciato misto dunque assolutamente non noioso e poi questa vegetazione che ti colpisce con prati verdi e fitti boschi da attraversare in totale sicurezza. Un posto davvero bello che poi mi ha regalato una bellissima vittoria".


Quattro sono state le vittorie italiane nell'Endurance Festival Bavaria con un Daniele Serioli, neo campione italiano, davvero scatenato.

Non si placa la sua voglia di vittoria e il lombardo a Buch si prende la CEI3* 160 km (21 partenti, 14 in ranking).


Daniele Serioli - photo by Barbara Miller

Daniele fa debuttare la quindicenne anglo araba Quassia Distinta all’estero regalandole una prova impeccabile chiudendo alla media di 17.823 km/h.

L'Italia fa sua anche le CEI2* e CEI1* di venerdì grazie all'inossidabile bresciano Giovanni Garatti e la valdosatana Claudia Demarie.


Claudia De Marie

Garatti trionfa con Porywacz alla media di 16.76 km/h mentre la sempre gentilissima Claudia taglia il traguardo in sella a Barbaredda Briosa insieme ad Emma Giocosa con Ancoralei CHM fissando il cronometro a 15.82 km/h di media.


Giovanni Garatti - photo by Barbara Miller

Non c'è tregua per l'inno di Mameli che ha suonato anche il sabato e ancora in 120 km. grazie alla su citata Elena Commod che in compagnia di Caucase Bonanza ha vinto alla media di 17.45 km/h.


Ancora coccarde per l'Italia per i piazzamenti centrati.



Da evidenziare gli ottimi risultati di Valentina Galli 6° con Ziru de Iloi (16.91 km/h), Daniele Massobrio 7° con Glicine Bosana (16.91 km/h) e Chiara Botticchio 8° con il SG Krios (16.91 km/h) che hanno tagliato il traguardo finale insieme.



Daniele Massobrio


Attendiamo fotografie ufficiali dalla fotografa dell'evento Barbara Miller per la pubblicazione e dedica su Instagram SPORTENDURANCE_

133 visualizzazioni0 commenti

コメント


bottom of page