Nuovo gruppo di lavoro per l'endurance

La notizia era nell'aria e durante una riunione svoltasi a Roma venerdì scorso è stata confermata. Al via grossi cambiamenti con occhi proiettati al futuro ed al rilancio della disciplina. Il Comunicato Stampa ufficiale apparso sul sito FISE Venerdì scorso, mentre a Piazza di Siena si festeggiavano gli 80 anni dello storico concorso ippico italiano, anche l'endurance si è dato appuntamento in quella magica cornice per passare qualche ora a parlare di sport e di strategie per il futuro. Il presidente federale Andrea Paulgross ha apprezzato che la location della riunione del gruppo di lavoro fosse Villa Borghese, dove si respirava aria di grande sport, ma al contempo la giusta adrenalina per l'imminente Coppa delle Nazioni. "Vogliamo forze nuove sul territorio - ha esordito il presidente della FISE – Intendiamo creare quadri tecnici professionali: la politica faccia un passo indietro, lasciando spazio alla sola crescita sportiva. Per questo abbiamo bisogno di idee nuove, di competenze e di dinamicità, con un occhio sempre attento a una comunicazione corretta e veloce. Non c’è più tempo da perdere: auspico che il nuovo gruppo inizi a lavorare da subito, gettando solide basi e chiare linee guida per il futuro”. Dopo un rapido giro di tavolo, ha preso forma la rinnovata volontà di far splendere l’azzurro nel mondo, restituendo all’Italia una collocazione all’altezza della nostra grande tradizione equestre. [caption id="attachment_8027" align="alignright" width="336" caption="I lavori continuano a pranzo"][/caption] Mentre la compagine italiana del salto ostacoli sfiorava un meritato podio in Coppa delle Nazioni vinta dalla Germania, i lavori del gruppo chiamato a Roma sono proseguiti con la definizione di alcuni dei ruoli che si aggiungeranno a quelli già operativi, al fine di allargare la forza e l’impegno federale nell’azione di rilancio dell’endurance. In questo quadro, Giovanni Di Battista avrà il compito di affiancare l’attuale c.t. Denis Pesce nella gestione della squadra Senior, dunque nella stesura della long list della rappresentativa italiana ai prossimi Mondiali inglesi. Angela Origgi ricoprirà lo stesso incarico del precedente, sempre al fianco del tecnico francese, nella squadra Junior e Young Rider. Entrambi lavoreranno a stretto contatto con Denis Pesce, gestendo di comune accordo il ruolo tecnico; in tal modo le due nuove figure potranno pianificare e ritmare gli step per i prossimi anni gradualmente e, soprattutto, in maniera ottimale. Rimanendo in ambito Young Riders, in autunno Andrea Iacchelli farà il suo ingresso nel gruppo di lavoro in qualità di selezionatore. Inizierà però a lavorare da subito, insieme ad Angela Origgi, per individuare obiettivi e predisporre la stagione 2013. Toni Zaia viene demandato a svolgere il lavoro di supporto agli uffici federali per quanto riguarda l’approvazione delle gare nazionali, con la relativa gestione delle Commissioni giudicanti e veterinarie. La comunicazione è affidata, come nel passato, a Luca Giannangeli, che avrà il compito di dare massima visibilità all’endurance italiano. Assenti giustificaticatissimi alla riunione Daniele Gagliardi, impegnato alla pre-ride dei Mondiali in Inghilterra, David Holmes, il direttore sportivo della FISE ovviamente alle prese con i mille problemi legati allo svolgimento dello CSIO, Fabio Zuccolo, che ha già dato grande prova di sè come responsabile delle segreterie. A brevissimo verrà fissato il primo appuntamento operativo del nuovo gruppo di lavoro e verrà stilato un calendario per le successive occasioni di confronto con tutto il mondo dell’endurance.