GROSSETO CAPITALE EUROPEA DELL’ENDURANCE

Il 27 e 28 giugno p.v. lo storico Ippodromo del Casalone di Grosseto aprirà in cancelli all’endurance internazionale. Il Comune toscano immerso nella Maremma grossetana, è pronto a trasformarsi in capitale europea dell’endurance; dopo la città di Buch in Germania, è la prima località del Vecchio Continente ad ospitare una gara di endurance internazionale dopo il lungo periodo di stop causato dal Covid-19. Oltre 100 cavalli animeranno l’incantevole pianura che degrada verso Principina a Mare, attraversando e costeggiando l’onnipresente fiume Ombrone. Il Comitato Organizzatore capitanato dal Team Endurance della famiglia Generali, ha combattuto a denti serrati al fine di poter organizzare l’evento equestre, molto atteso ed apprezzato dal circo dell’endurance italiano e internazionale. Le misure messe in campo per la prevenzione anti Covid sono molto stringenti: esse seguiranno alla lettera le disposizioni dettate dai vari protocolli che il Governo ha emanato e che a cascata sono stati recepiti dal CONI e dalla Federazione Italiana Sport Equestri. L’endurance è la disciplina equestre con la maggiore percentuale di crescita nel mondo, sia per quanto concerne il numero di appassionati che di manifestazioni organizzate. Trainata e sostenuta dagli Sceicchi del Medioriente ed oggi dai paesi dell’estremo oriente che iniziano ad affacciarsi con grande curiosità, l’endurance è capace di generare introiti ad esso collegati considerando il grande indotto che può veicolare. La parola sport va a braccetto con il turismo; il valore di questo binomio lo conosce bene il Comune di Grosseto che ha scommesso sulla disciplina equestre più difficile, consapevole dell’opportunità incontrata. "È per noi un onore ospitare un evento così importante a livello internazionale: l'endurance è uno sport di resistenza affascinante ed avvincente e non vediamo l'ora di vedere cavalli e fantini all'opera nella nostra città – affermano il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna e l'assessore allo Sport Fabrizio Rossi -. Come Amministrazione riteniamo estremamente importante ridare linfa vitale agli eventi sportivi dopo lo stop forzato a causa dell'emergenza sanitaria: quello dello sport è un settore fondamentale, al centro della vita delle nostre comunità e in quanto tale va salvaguardato sempre nel rispetto delle attuali norme di sicurezza" Buone galoppate…