Erika Vagnetti: è tempo di raccolto

Nella vita ci sono momenti in cui preferisci stare da solo, altri che puoi condividere solo con le persone più care, e poi ci sono dei momenti, rarissimi, in cui le emozioni sono talmente forti che hai bisogno di condividerli con il mondo … ecco, quello che ho vissuto sabato a Garda è stato proprio uno di questi preziosi tasselli di vita, che porterò per sempre nel cuore. [caption id="attachment_8876" align="aligncenter" width="560" caption="Volata finale"][/caption] Una gioia incontenibile, per aver raccolto il frutto di tanto lavoro speso dietro a questo meraviglioso e durissimo sport, capace di metterti di fronte ai tuoi limiti e talmente esigente da richiederti di gestire anche quelli del tuo compagno d’avventura, uno sport in cui non sei mai solo, perché da solo non potresti arrivare da nessuna parte, uno sport che basa le sue fondamenta sulla costruzione, prima di tutto, di un binomio, e poi di una squadra. [caption id="attachment_8877" align="aligncenter" width="560" caption="Premiazione con sella SETZI Saddles"][/caption] Ed è proprio questa squadra che io voglio ringraziare dal più profondo del cuore, a partire da Luca Tonini, insostituibile “capo-assistenza” senza il quale tutto questo sarebbe impensabile, Elena Tabanelli, angelo custode nonché veterinaria sempre schierata in prima linea nella difesa della salute di Ghimly, Emanuele Burioni, che grazie alla sua professionalità e ai suoi sottosella, è riuscito a risolvermi tanti problemi e Giuliano Brizzi, infaticabile corridore ai punti assistenza, che ci ha inondato di acqua! [caption id="attachment_8878" align="aligncenter" width="560" caption="Il team di Ghimly"][/caption] Una squadra, prima di tutto di amici, che si sono spesi senza limiti, in termini di fatica fisica e supporto morale, ai quali devo davvero molto e ai quali, spero, di aver regalato l’emozione di questo frammento di vita, grande quanto una volata giocata con il cuore! Non ultimo non posso che ringraziare il mio piccolo e coraggioso compagno di tante fatiche, capace ogni volta di sorprendermi e di ricordarmi il vero senso di questo sport…umiltà, forza e tenacia! Erika Vagnetti