Cala il sipario sul Monferrato: racconto e ringraziamenti

Il sipario scende sul lungo e bagnato weekend nel Monferrato; una gara che inizialmente non doveva essere svolta, almeno queste le prime intenzione del Comitato Organizzatore, si è trasformata in un grande successo, frutto di passione e forza di volontà. Sportendurance ha curato la comunicazione dell'Evento raccogliendo decine di testimonianze e di e-mail di ringraziamento. Senza sponsor e visibilità il più grande momento sportivo non avrebbe alcun senso di esistere, nessuno saprebbe nulla; la gara di Conzano (Al) continua a vivere dunque e questa volta grazie ad un brand d'eccezione come l'Allevamento dell'Orsetta di Alessandra Acutis. Il Piemonte vuole e può dire la sua nell'endurance, lo ha capito il Presidente Riera ed a ruota Cleto Canova, resp.le FISE Endurance che da subito ha accettato di essere nel progetto "Visibilità New Regionali". Prima di lasciarvi al puntuale e dettagliato racconto di gara firmato Cristina Mattioli, che sotto la pioggia era in costante contatto con la redazione di Sportendurance durante la gara, spazio ai ringraziamenti. La voce è quella di Ciro La Camera, organizzatore, insieme a tante altre braccia, della kermesse: [caption id="attachment_7529" align="alignright" width="140" caption="Ciro La Camera"][/caption] "Vorrei ringraziare prima di tutto il Sindaco di Conzano Emanuele Demaria che ha appoggiato l'idea del trofeo senza indugi. Un grazie agli albergatori e ristoratori di Conzano che con la loro gentilezza ed affabilità hanno contribuito a rendere ancora più piacevole la permanenza dei numerosi presenti. Grazie agli sponsor in primis l'Allevamento dell'Orsetta, ma ancora ai soci del circolo del Castagneto, al medico, alla Croce Rossa, alla Protezione Civile, ai fotografi; quest'ultimi hanno reso giustizia in maniera ineccepibile alla bellezza dei luoghi interessati dalla gara. Infine un grazie a Cleto Canova e Marco Chiorino e molti molti altri che per evidenti motivo di spazio non cito. L'appuntamento è senz'altro per il prossimo anno, grazie a tutti" [caption id="attachment_7530" align="aligncenter" width="550" caption="La stretta di mano tra Marco Chiorino, Presidente di Giuria e Ciro La Camera del C.O."][/caption] Le foto (ne vediamo alcuni deigli scatti più belli) sono di Spazio Elle; è possibile acquistare le fotografie direttamente dal sito internet www.spazioelle.it _ _ _ _ _ _ _ _ _  _ _ _ _ _ _ Racconto di gara - Conzano by Cristina Mattioli Nonostante le previsioni meteo poco rassicuranti, il tempo domenica le ha rispettate in pieno, ben 84 binomi si sono dati appuntamento alla gara GOLD del RANKING TOUR & ANICA del Monferrato. Una nutrita presenza di binomi dalle regioni limitrofe, ma anche dalla Toscana e dalle Marche, si sono dati battaglia nei due gironi di gara, nelle quattro categorie previste, Cen B di 81 km qualificante la Cen B in due giorni, la CEN B, la CEN A e la Debuttanti, le ultime tre valevoli anche per l’interregionale Liguria, Valle d’Aosta e Piemonte. Il sabato sotto una pioggerellina sottile che non ha disturbato più di tanto, nella prima giornata della due giorni, subito all’attacco i “veterani” Marina Ceschina su Sweet Talk e Roberto Manzoni su Zigurat seguiti dall’altra lombarda Donatella Accampi con My Darling e dal piemontese Paolo Pertusio su Renero che terminano il primo giorno rispettivamente prima, terzo, seconda e quarto con un distacco di pochi minuti, mentre i primi inseguitori si trovano a circa 20 minuti. [caption id="attachment_7532" align="aligncenter" width="560" caption="In premiazione, sempre con pioggia!"][/caption] Alla visita di ripartenza della seconda giornata, sotto il diluvio che accompagnerà la gara per buona parte della giornata, vengono fermati per zoppia Manzoni e la Accampi e al primo giro si danno battaglia la Ceschina, Pertusio, la Cianferoni, Cordoba e Vertemati ma al cancello veterinario, i rientri un po’ lenti dei battistrada, permettono agli inseguitori di avvicinarsi, tanto che ripartono tutti per l’ultimo giro con pochi minuti di distacco. La Ceschina qui precisa: "non ho avuto un rientro lento (6 min. circa) al terzo anello, bensì un ritardo di più di 5 min alla partenza del quarto, dovuto ad una mia caduta, a piedi, in un fosso dietro la scuderia, mascherato dall'allagamento, che mi procurava una lesione al quadricipite, malgrado la quale sono ripartita, in ritardo chiaramente ed ho recuperato Paolo Pertusio).... [caption id="attachment_7533" align="aligncenter" width="550" caption="Il podio della lunga, Ceschina, Pertusio, Cianferoni"][/caption] Ma è Patella Samuel con la sua Matea che sferra l’attacco nell’ultimo giro, tagliando per primo il traguardo con un vantaggio di tre minuti e trenta su Cianferoni Patrizia e Dinnar Bibor e di sei minuti su Pertusio che taglia il traguardo mano nella mano con la Ceschina mentre gli altri diminuiscono notevolmente l’andatura arrivando con un ritardo tra i 10 e 20 minuti. La somma dei tempi dei due giorni decreta vincitrice Sweet Talk (BC) montato da Ceschina Marina, binomio già secondo lo scorso anno nella stessa categoria. Paolo Pertusio, primo piemontese al traguardo, si aggiudica anche il Campionato regionale in prova unica di categoria e il Trofeo Robero Tamagnone, seguito da Samuel Patella medaglia d’argento e Borgis Luigi su Deltara bronzo. La categoria Cen A vede al primo posto la Valdostana Martinet Donatella su Ohxave de Ghazal (39 b.m.) mentre la debuttanti è appannaggio del lombardo Galli Daniele su Haras Hibn Halin (34 b.m.) Complimenti a tutti i binomi che nonostante le condizioni metereologi che a tratti difficili si sono dati battaglia numerosissimi e si sono anche divertiti a disputare una gara divenuta estremamente tecnica che ad alcuni ha ricordato l’endurance di altri tempi, grande insegnamento soprattutto per i numerosi giovani che non si sono tirati indietro.

- Riproduzione riservata -