20 novembre: Trofeo dei Circoli Abruzzo OPEN 2011

Modulo di iscrizione corretto Di seguito rimettiamo il modulo di iscrizione al Trofeo dei Circoli Abruzzo Open 2011 ed il programma dettagliato. Modulo Iscrizione per le Squadre PROGRAMMA Capestrano 2011 _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ Regolamento Di seguito è possibile scaricare il regolamento del Trofeo de Circoli Abruzzo al quale potranno partecipare anche team o cavalieri di altre regioni (con classifiche separate) ed il modulo di iscrizione da inviare via fax entro il 18 novembre presso il Comitato Regionale FISE Abruzzo al numero 085/4171052 REGOLAMENTO e MODULO ISCRIZIONE _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ Si rinnova l'appuntamento con l'entusiasmante Trofeo dei Circoli in Abruzzo che per la prima volta esordisce aprendo anche a team e circoli di altre regioni. La formua dunque sarà OPEN anche ai cavalieri che correranno a titolo individuale. L'appuntamento per la gara inserita nel circuito Ranking Tour 2011, è per il prossimo 20 novembre a Capestrano in provincia di L'Aquila, presso il Centro Ippico il Casale. Nei prossimi giorni pubblicheremo i moduli di iscrizione da inviare via FAX al comitato regionale FISE al numero 085/4171052 Per info sulla gara, la ricettività ecc.. contattare l'ing. Ugo Migliorati al numero 335 5603723 Cenni su Capestrano [caption id="attachment_6055" align="alignright" width="418" caption="Splendido scorcio di Capestrano e la sua valle"][/caption] Capestrano è una località della provincia di L'Aquila situata in un vasto altipiano di origine carsica, conta circa 1.000 abitanti e gode di un clima particolarmente mite durante tutto il periodo dell'anno; si trova a 465 metri s.l.m. Le manifestazioni organizzate in questo luogo hanno sempre lasciato un buon ricordo ai presenti sia per il perfetto percorso di gara che perchè no, per l'ottima cucina tipica abruzzese proposta dal ristorante annesso alle strutture ippiche. Così viene descritto Capestrano dal sito internet http://www.capestrano.eu che dedica i suoi argomenti al paesino aquilano: "Ai piedi del colosso dell'Appenino, lambita dalle preziose acque del Tirino e ammantata da uliveti e mandorleti secolari, custodisce uno dei paesaggi antropici piu' antichi e ricchi dell'intero comprensorio, testimoni di eccezionali valori storici, culturali e ambientali che meritano di essere preservati e salvaguardati..." vale la pena visitarlo... Martina Folco Zambelli