top of page

Yari Perrotti, a “bocce ferme”

Il cavaliere abruzzese Yari Perrotti ed il suo 8 anni Bantam Bosana, hanno davvero impressionato sabato scorso a Vittorito. In realtà tutto il podio e non solo (Perrotti, Bertoni, Lui) ha veramente “fatto scuola”, conducendo una gara impeccabile sotto tutti i punti di vista. Vedere cavalli così freschi e scattanti in visita finale non è poca cosa! Tornando a Yari, aldilà della vittoria centrata nella 160 km, quello che ha più colpito di lui è stata la freddezza e la determinazione con la quale ha affrontato la gara; il sorriso e la leggerezza di spirito con la quale si è presentato a Vittorito, certamente ha giovato al cavallo che - “non necessita di acqua gelata per rientrare di cuore, ma di una carezza ed una passeggiatina col suo padrone al lato”. [caption id="attachment_7596" align="aligncenter" width="560" caption="Il sorriso di Yari"][/caption] L’atteggiamento vincente, laddove consci della buona preparazione del cavallo, è fondamentale per fare risultato; l’assistenza stessa deve essere carica al punto giusto, insomma ci vuole energia positiva nell’aria. Bantam Bosana è stato acquistato da Yari dagli Origgi che a loro volta, grazie all’occhio esperto di Gino, lo prelevarono circa 4 anni or sono in Polonia. A Yari, proprietario di una palestra a Vasto (Ch), abbiamo fatto qualche domanda per conoscerlo un po’ meglio e per scoprire: “come ha fatto”. _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ INTERVISTA Quali sono state le 3 cose fondamentali che ti hanno permesso di ottenere questo risultato? Essenzialmente i motivi sono 3: il SOGNO, l’ALLENAMENTO, il CREDERE 1)IL SOGNO Il sogno mio e del mio amico Pierluigi è di andare, e ci andremo, al Trofeo Mondiale giovani cavalli che quest’anno si terrà il 18 agosto 2012 a Babolna in Ungheria; Pierluigi gareggerà con i 7 anni 120 km ed io con gli 8 anni 160 km. Questo viaggio è stato pensato, voluto, desiderato dal mese di ottobre scorso e così in vista di questa gara sapevo di dover provare il cavallo in una 160 km e sapevo di dover fare la gara a buon ritmo per testare il cavallo e capire cosa mi potrei aspettare da Babolna. Cari lettori, quanto sereni andreste al mondiale se montaste un cavallo che alla sua prima 120 km ha fatto 4° con BC, alla 2° record Italiano superando i 20 km/h di media e alla sua 1° 160 km primo con BC? Ve lo dico io: molto molto sereni. Ed è così che affronterò il mondiale di Babolna. [caption id="attachment_7597" align="aligncenter" width="560" caption="L'abbraccio con Pierluigi"][/caption] 2)L’ALLENAMENTO Credo di aver capito quali sono i criteri giusti per “performare” bene un cavallo; ci ho messo solo 12 anni a capirlo ma alla fine ce l’ho fatta. [caption id="attachment_7598" align="aligncenter" width="560" caption="Assistenza"][/caption] 3)IL CREDERE Ho creduto nel mio cavallo e nei miei assistenti Antonio e Pierluigi (probabilmente nel futuro non si parlerà più di binomio ma di trinomio: cavallo - cavaliere – assistenza; la sintonia di queste 3 entità è vitale); il cavallo si è fidato di me e dell’assistenza e quando gli ho chiesto di volare lui ha volato regalando delle emozioni forti a tutti i presenti; e così l’assistenza ed il cerchio si è chiuso. [caption id="attachment_7599" align="aligncenter" width="560" caption="Verso la vittoria "][/caption] Se fossi CT per un giorno cosa faresti per il mondiale di Euston Park? Facile: 1) L’OBIETTIVO Fisserei un obiettivo chiaro: vincere la medaglia d’oro a squadre. Credo che l’Italia abbia cavalli e cavalieri per ambire, quest’anno, a questo risultato. 2)CONDIVISIONE Selezionerei 8 binomi che condividano questo obiettivo, disposti a caricarsi di questa responsabilità. So che non è facile trovarli ma credo che il giorno dopo della gara di Montechiarugolo già si debba lavorare in questa direzione. 3)IL GRANDE ALLENAMENTO Sabato 28 luglio, cioè 4 settimane prima del Mondiale in Inghilterra un allenamento di 60 km a non meno di 20 km/h con tutti e 8 i binomi, su un terreno morbido (Vittorito è ideale). Chi non riesce a tenere i 20 all’ora è fuori, chi è zoppo idem. A fine allenamento antidoping a tutti i cavalli presenti. Spero che queste mie parole possano contribuire minimamente ad una buona riuscita del Mondiale di Euston Park. In bocca al lupo a tutti i cavalieri per una stagione ricca di soddisfazioni. Yari
bottom of page